• Condividi :

Chiara Aurora Giunta

Chiara Aurora Giunta vive e lavora a Milano. Il velo di Agata è il suo secondo romanzo. La sua opera prima, Aélis (Neri Pozza 2003), fu accolta al suo apparire da un ampio favore della critica e del pubblico.

I LIBRI

Aélis

Chiara Aurora Giunta

È una mattina di primavera del 1911 ed Emilie Mazoyer ha appena varcato la monumentale porta di vetro smerigliato dell'Hotel d'Ièna, a Parigi. Attraversata la hall, attirando lo sguardo distratto di alcuni ospiti dell'albergo adagiati nei divani di velluto rosso, ha raggiunto il quarto piano, dove ha atteso a lungo in una stanza quasi priva di luce.
Ora, però, è finalmente al cospetto dell'uomo per cui è lì: il drammaturgo italiano autore del Martyre de Saint-Sèbastien, lo scrittore di cui tutti parlano ai tavoli del Casino de Paris e dei cafè chantant dove ogni sera si esibisce la conturbante Lina Cavalieri, il poeta cui nessuna donna, tra le più belle e corteggiate di Parigi, può resistere... Gabriele d'Annunzio.
Nata da una modesta famiglia di contadini della Borgogna, Emilie è arrivata nella capitale da poco. Non particolarmente bella, indossa un vestito in cotone rigato di un blu austero, chiuso fin sotto il mento da un colletto bianco sciupato dai troppi lavaggi, e si sente del tutto inadeguata mentre d'Annunzio la studia con imbarazzante lentezza... Non sa, non può nemmeno lontanamente immaginare, che quell'uomo di bassa statura, dal volto affilato con un cenno di pizzetto, la fronte ampia, l'espressione caparbia e l'abbigliamento ricercato, diventerà un'insostituibile presenza nella sua vita, e che lei sarà per lui governante amante complice, felice di soddisfare ogni capriccio del suo maître: Aélis, un nome che è un soffio, un sussurro...
Nell'avvincente narrazione di un rapporto e di una storia in cui ruoli e situazioni si mescolano e talvolta esplodono prima di ricomporsi, Chiara Aurora Giunta ci restituisce non soltanto l'Europa della prima guerra mondiale, i giorni caotici dell'impresa fiumana, dell'avvento del fascismo e poi del volontario esilio e dell'oscura fine di un poeta, ma l'atmosfera di un'epoca e, soprattutto, l'esistenza di una donna fedele alla propria passione che è stata, come forse nessun'altra, testimone del «vivere inimitabile» di un protagonista, non solo letterario, del secolo scorso.

Il velo di Agata

Chiara Aurora Giunta

La giovanissima e sensuale bizantina, Agata de’ Greci, viene contesa da un raffinato emiro e da un cavaliere normanno nella Sicilia ricca di messi e di culture dell’XI secolo. In questa oasi dorata, dove si mischiano il sapere di arabi, di ebrei, di greci e la vita è godimento, un figlio della colpa è travolto dalle intemperie della storia.
E che Storia: in cinquant’anni (1047-1097) di tradimenti, di sangue e di imbrogli sulle sponde del mare di mezzo – il Mediterraneo – nascono i Templari, il cui mistero è tramandato fino ai giorni nostri.
Personaggi sconosciuti e personaggi di eccelsa fama si incontrano, si amano, si odiano all’ombra di avvenimenti destinati a cambiare il corso dei secoli: il gran Maestro, capo di una confraternita esoterica; la variegata, agguerrita famiglia degli Altavilla, decisa a impadronirsi dell’isola per controllare i commerci e i pellegrinaggi verso l’Oriente; la prima donna medico del millennio, Trotula de’ Ruggero; la reliquia dai poteri miracolosi (il velo della martire cristiana Agata), per il possesso della quale si intrecciano trame e congiure; nove monaci benedettini condannati all’esilio dalla Normandia e fondatori di monasteri tra la Calabria e la Lorena; Matilde di Canossa presa fra il suo amore impossibile per Ildebrando di Soana (colui che diverrà papa con il nome di Gregorio VII) e la sete di potere; il ritrovamento di antichi papiri in cui sono racchiuse verità pericolose per la Chiesa di Roma; la prima crociata e lo straordinario falso alla base dell’ordine templare.
Dopo mezzo secolo di umane vicende, nelle quali il riso si alterna alle lacrime, il richiamo della carne al richiamo della fede, la predicazione di Pietro l’Eremita per la liberazione del Santo Sepolcro costringe protagonisti e comprimari al passo finale. Sotto il Tempio di Salomone li aspetta il segreto che muterà il corso degli eventi.

Newsletter

Resta aggiornato sulle novità e non perderti neanche un'anticipazione

Compila di seguito il campo inserendo la tua mail personale per ricevere la nostra newsletter

Lette e comprese le informazioni sulla privacy autorizzo al trattamento dei dati forniti