• Condividi :

Demetrio Paparoni

Demetrio Paparoni, saggista e curatore, è nato a Siracusa nel 1954 e vive a Milano. È considerato una delle voci più autorevoli della critica d’arte italiana. Tra i suoi ultimi libri: L’arte contemporanea e il suo metodo (Neri Pozza, 2005), Il bello, il buono e il cattivo / Come la politica ha condizionato l'arte negli ultimi cento anni (Ponte alle Grazie, Milano 2014); Cristo e l'impronta dell'arte / Il divino e la sua rappresentazione nell'arte di ieri e di oggi (Skira, Milano 2015); The Devil / Atlante illustrato del lato oscuro (24 Ore Cultura, 2017).

I LIBRI

L'arte contemporanea e il suo metodo

Demetrio Paparoni

L’arte contemporanea ha smesso di essere avanguardia e ha operato un radicale ritorno all’ordine? Gli artisti più noti della scena attuale sono espressione della cultura ufficiale? La figura del critico è scomparsa, schiacciata tra quella del mercante e quella del curatore? Sono questi alcuni dei temi trattati da Demetrio Paparoni, tra i maggiori critici d’arte italiani, il quale sostiene che, a differenza di quanto avveniva in passato, l’arte non è più in grado di dare risposte alla società. Al contrario, sono la società e la politica a suggerire oggi agli artisti strategie, temi e linguaggi. Per Paparoni l’arte degli anni Novanta affronta implicitamente il tema dell’Apocalisse, è come se la pentola si fosse scoperchiata rovesciando il suo contenuto e con esso il senso della vita e della morte, della tragedia e della profezia, il presentimento di un evento imminente che tarda a manifestarsi, atto finale di un secolo che attende il trionfo di un linguaggio nuovo. L’opera dei migliori artisti rivela così l’urgenza di voltar pagina e consegnare definitivamente il Novecento al museo.
L’arte contemporanea e il suo metodo è suddiviso in quattro capitoli. Il primo affronta, in un esteso saggio inedito, il rapporto tra la contemporaneità e la tradizione del primo Novecento, spiegando con argomentazioni chiare il lavoro di alcuni protagonisti della scena attuale, tra cui Matthew Barney, Damien Hirst, Robert Gober, Maurizio Cattelan, Marc Quinn. Segue una raccolta di saggi, espressamente rielaborati, dedicati a Andy Warhol, Chuck Close, Vik Muniz, Peter Halley, Jonathan Lasker, Mimmo Paladino, Brian Eno, Timothy Greenfield-Sanders, Mike and Doug Starn, Keith Haring.

Arte e poststoria

Demetrio Paparoni, Arthur C. Danto

DISPONIBILE IN EBOOK E PRENOTABILE IN CARTACEO.

Demetrio Paparoni e Arthur Danto hanno condiviso un marcato interesse per l’arte astratta degli anni Novanta. La loro amicizia li ha portati anche a intrattenere un ricco epistolario e a registrare conversazioni che sono all’origine dei testi qui pubblicati. Questi dialoghi, che nelle intenzioni degli autori avrebbero dovuto costituire il punto di partenza per un libro, si sono interrotti un anno prima che Danto venisse a mancare, all’età di 89 anni.
La loro pubblicazione ora, a distanza di anni dalla scomparsa di «uno dei critici d’arte più letti dell’era postmoderna» (New York Times), si deve innanzi tutto al fatto che le questioni che vi sono dibattute abbracciano temi ancora oggetto di interrogazione nel panorama artistico-filosofico odierno. Spaziando dalla pop art americana al minimalismo, dall’astrazione all’appropriazionismo, gli argomenti trattati toccano, infatti, il nucleo centrale del pensiero di Danto: quei concetti di poststoria e di fine dell’estetica che hanno orientato, e continuano a orientare, la discussione sul senso e sul destino dell’arte contemporanea.
Attraverso anche il prezioso contributo di Mimmo Paladino e di Mario Perniola, queste conversazioni, così ricche della spontaneità propria del dialogo, aiutano in tal modo a comprendere meglio gli sviluppi dell’arte attuale.
Il saggio introduttivo di Paparoni è una chiara esposizione e una lucida analisi del pensiero di Danto, intriso di considerazioni che mettono in luce la visione dell’arte che contraddistingue il pensiero del critico italiano.

Newsletter

Resta aggiornato sulle novità e non perderti neanche un'anticipazione

Compila di seguito il campo inserendo la tua mail personale per ricevere la nostra newsletter