Neri Pozza Editore | James Hogg
 
  • Condividi :

James Hogg

James Hogg (Ettrick, Scozia, 1770 - Altrive, Selkirkshire, 1835) è stato un poeta e un narratore scozzese. Di origine contadina, fu incoraggiato all’attività letteraria da W. Scott, con il quale collaborò alla raccolta di antiche ballate (The minstrelsy of the scottishborder, 1802). Compose canzoni, racconti in prosa e in versi riprendendo leggende e storie del folclore scozzese. La sua opera maggiore è Confessioni di un peccatore eletto.

I LIBRI

Confessioni di un peccatore eletto

James Hogg
Robert Wringhim nasce nella tenuta di Dalcastle, in Scozia, verso la fine del XVII secolo, quando il paese è lacerato da violente dispute politiche e religiose tra gli avversari, in larga parte seguaci della Riforma, e i sostenitori, in larga parte cattolici, di Giacomo II, il re costretto a riparare in Francia.
Wringhim nasce ufficialmente dall’unione della virtuosa figlia di uno zelante calvinista di Glasgow, un tale Baillie Orde, e George Colwan, erede dei possedimenti di Dalcastle di Balgrennan, «un buontempone» per il quale il timore di Dio non è molto superiore a quello nutrito per gli uomini. Robert non fa neanche in tempo ad emettere il primo vagito che il laird, il possidente di Dalcastle, rende chiaro di non avere alcuna intenzione di concedergli il proprio nome, visto che non intrattiene da tempo rapporti di sorta con sua moglie, rivelatasi ai suoi occhi di gentiluomo di campagna, incline a una rustica allegria, come la più inflessibile e la più cupa tra tutti i lugubri seguaci della Riforma.
Così, mentre suo fratello George cresce come un ragazzo generoso e di buon cuore in compagnia del padre nella dimora principale di Dalcastle, per un anno e mezzo Robert vive segregato con la madre in un’ala secondaria del castello, finché non è allevato da Mr Wringhim, l’eminente pastore calvinista, assiduo frequentatore della madre, impietosito a tal punto da acconsentire a dare al bambino il suo nome.
Il ragazzo è in tal modo precocemente esposto ai rigori della fede rigida e arbitraria del suo pastore. Gli insegnano a pregare due volte al giorno, e sette volte alle feste comandate, ma solo per gli eletti, dato che agli altri, ai blasfemi, come Lord Colwan e il fratello George, non è riservato altro che la più pura avversione.
L’incontro con un enigmatico personaggio, Gil-Martin, un essere con poteri demoniaci o, forse, soltanto il prodotto di una mente alterata, porta alle estreme conseguenze l’esaltazione religiosa di Robert, che arriva a compiere le più efferate nefandezze credendosi il flagello nella mano del Signore, lo spirito devastatore nelle dimore degli empi, immune alle leggi e allo stesso peccato. Così, quando una mattina il giovane George viene trovato assassinato, i sospetti non possono che ricadere sul fratellastro, misteriosamente svanito nel nulla.
Scritto nel 1824, Confessioni di un peccatore eletto può essere letto come una magistrale satira dei paradossi della fede, e in modo particolare della dottrina della predestinazione, come un potente affresco dell’identità nazionale scozzese così come si è storicamente data, oppure come quel magnifico romanzo sulla duplicità dell’animo umano che influenzò Robert L. Stevenson nella stesura del suo capolavoro Il dottor Jekyll e mr. Hyde.
Newsletter

Resta aggiornato sulle novità e non perderti neanche un'anticipazione

Compila di seguito il campo inserendo la tua mail personale per ricevere la nostra newsletter