• Condividi :

Lea Quaretti

Lea Quaretti nasce nel 1912 a Rigoso (Parma), nell’Appennino tosco-emiliano. Dopo aver trascorso l’infanzia a Parma, dove studia alle Orsoline, si trasferisce a Venezia. Qui inizia a collaborare con vari giornali e riviste, tra cui La Stampa e Il Gazzettino. Tra le sue opere narrative si ricordano Il faggio (Neri Pozza, 1946), La voce del fiume (Neri Pozza, 1947), La donna sbagliata (Neri Pozza, 1950), L’estate di Anna (Vallecchi, 1955). Muore a Venezia nel 1981.

I LIBRI

Il giorno con la buona stella

Lea Quaretti
Nel 1941 Lea Quaretti, giovane scrittrice di belle speranze, si trasferisce a Venezia dove, nel 1945, incontra Neri Pozza. Da quell’incontro nasce un sodalizio intellettuale e sentimentale che culminerà nel matrimonio e terminerà soltanto con la scomparsa della scrittrice nel 1981. Figura fondamentale nella nascita delle edizioni Neri Pozza nel 1946, Lea Quaretti compilò fino al 1976 quasi quotidianamente il suo diario, riversandovi ogni accadimento della propria vita: la sua storia d’amore con l’editore, la collaborazione nell’attività della casa editrice, le relazioni amicali, le letture, le conversazioni con letterati e artisti, gli incontri casuali. Pagine intense, che vengono ora alla luce e testimoniano della straordinaria avventura sentimentale e intellettuale vissuta da Lea e Neri Pozza, e della cerchia di amici che si raccolse attorno alla loro casa editrice: Palazzeschi, Alvaro, Montale, Bassani, Buzzati, Zanzotto, Cecchi, Falqui, Pasolini, Morandi, Licini, Tancredi, Denti di Pirajno, Levi della Vida, Diano, Bettini.
Educata alla vita di società, elegante, colta, Lea Quaretti suscitava passioni e inaspettate confidenze. Nelle pagine del suo diario, il lettore può scoprire un Montale «pauroso fino a fare rabbia»; un Cecchi angustiato dal timore di «non trovare la parola vera per rappresentare la voce che aspetto di sentire»; un Buzzati «che può amare solo chi non lo ama»; un Parise convinto che ogni avventura sentimentale «consumi la carica vitale» che uno scrittore può «mettere nel lavoro».
In appendice al libro figura un Congedo di Neri Pozza, in cui l’editore riprende il colloquio con Lea che la morte aveva reso silente ma non interrotto
Newsletter

Resta aggiornato sulle novità e non perderti neanche un'anticipazione

Compila di seguito il campo inserendo la tua mail personale per ricevere la nostra newsletter

Lette e comprese le informazioni sulla privacy autorizzo al trattamento dei dati forniti