Neri Pozza [0]

Elenco delle collane Neri Pozza

cerca un libro

newsletter

Iscrivetevi alla nostra newsletter, sarete sempre aggiornati su tutte le nostre iniziative e pubblicazioni.




 Lette e comprese le informazioni sulla privacy autorizzo al trattamento dei dati forniti

Scheda libro

collana: I Narratori delle Tavole

ritorna

Io non ricordo

Autore: Stefan Merrill Block
Titolo: Io non ricordo

collana: I Narratori delle Tavole

ISBN 978-88-545-0227-7
Pagine 352
Euro 17,00

Seth Walzer vive ad Austin nel Texas. È un ragazzino, anzi più che un semplice ragazzino: è il perfetto esemplare dell’adolescente troppo intelligente segnato dall’acne, dal sarcasmo nei confronti del mondo e dal panico nei confronti di ogni sorta di contatto umano. Passa così il tempo a fantasticare su tutto e a perdersi nelle sue divagazioni al punto tale da sentirsi un «maestro del nulla».
Un giorno però la realtà irrompe improvvisa nella sua vita. A sua madre viene diagnosticata una rara forma di Alzheimer e Seth assiste impotente al suo inesorabile scivolare nell’oscuro regno dell’oblio. Lentamente la madre non ricorda più nulla, anche le cose più semplici della vita, e trascorre le sue giornate nella vaghezza piú assoluta, intrappolata fra il sonno e la veglia.
Il padre di Seth reagisce alla malattia della moglie nel modo peggiore possibile: si stordisce con massicce dosi giornaliere di gin e programmi televisivi.
Cosa può fare Seth a quel punto se non cercare di usare la sua straordinaria intelligenza, studiando quello strano e terribile male che si trasmette geneticamente e toglie il dono del ricordo?
Non sapendo quasi nulla della vita che la madre conduceva prima di conoscere suo padre, Seth si mette alla ricerca dei parenti perduti della donna, portatori del gene causa della sua malattia.
Centinaia di miglia più a nord, intanto, Abel Haggard, un vecchio che trascina sulle sue spalle ricurve il peso degli anni, degli amori perduti, dei suoi cari scomparsi, si aggira, smarrito, tra le rovine della sua fattoria alla periferia di Dallas.
Abel e Seth, il vecchio e il ragazzino, ignorano la reciproca esistenza, non sanno di essere legati da un duplice legame: la malattia che distrugge le memorie dei loro cari, e la «storia di Isidora», una magnifica fiaba narrata da sempre nelle loro famiglie, il racconto di un mondo fantastico libero dal dolore dei ricordi, di una terra senza memoria in cui nulla mai si possiede e nulla può perciò andare perduto.
Romanzo che annuncia sulla scena internazionale la nascita di un nuovo talento letterario, Io non ricordo è una di quelle rare opere capaci di fondere scienza, fiaba e narrazione in una scrittura splendida, attraversata da uno humour commovente e dalla forza dell’autenticità.

ordinabile a IBS

«Uno dei più bei romanzi degli ultimi anni è, per me, l'opera prima di un ragazzo americano di ventisei anni (la stessa età del Premio Strega Paolo Giordano, ricordarsi di avere fiducia nei giovani). Si chiama Stefan Merrill Block ed ha scritto una meravigliosa storia, anzi due in una, che si intitola in Italia: "Io non ricordo"».
Walter Veltroni, dalla lettera pubblicata su la Repubblica 

«Da venticinquenne a venticinquenne, da esordiente a esordiente, senza i falsi alibi della giovane età e della prima prova tra i piedi. Da pari a pari, dunque: leggere Io non ricordo di Stefan Merrill Block trasmette un senso di forte inadeguatezza e insieme di immenso conforto. Inadeguatezza, perché Block esprime un talento e una sapienza che spaventano e annichiliscono. Conforto, perché inciampare in libri nuovi e così belli, sapendo che da qualche parte oltre oceano c'è un autore che avrà tempo di scriverne molti altri, è soprattutto questo: confortante».
Paolo Giordano, autore di La solitudine dei numeri primi

«Dotato di una faccia radiosa, di modi timidamente educati, di un sorriso pronto a sottolineare i piccoli paradossi della vita dei quali anche lui fa parte, perché in una postmodernità votata al narcisismo e alla rincorsa del principio di piacere lui ha scelto di alimentare la sua vena narrativa osservando la parabola di una malattia.[...] Indicato come il miglior esordiente dell'anno. Ha scritto un romanzo titolato Io non ricordo che ruota intorno a una malata di Alzheimer, nutrendolo di tutte le incongruenze logiche e l'involontaria comicità che la malattia comporta».
Francesca Borrelli, il Manifesto

«Stefan Merrill block ha venticinque anni. Ed è difficile credere, leggendo Io non ricordo, che quest'opera importante e compiutamente matura, sia il suo primo romanzo».
Il Foglio

«Mosaico emozionante che il ventiseienne texano Stefan Merrill Block è riuscito a tessere, senza pietismi né toni meló, sulla premessa drammatica del morbo di Alzheimer».
Sabina Minardi, Espresso

«‘Io non ricordo', il libro che ha stregato Walter Veltroni.»
Michele De Gennaro, Anna

«La parabola di Stefan Merrill Block, giovane scrittore statunitense che con il suo romanzo d'esordio "Io non ricordo", esplora gli angoli più nascosti della mente umana per raccontare, con grande forza e un pizzico di humor, una malattia che distrugge la memoria.»
Roberta Rotta, Uomo Vogue

«Io non ricordo è un libro ambizioso, riuscito; è un romanzo storico, una fiaba che apre le porte verso altri mondi; è un saggio antropologico, un libro scientifico, è un'ipotesi affascinante , romantica sulle origini dell'uomo e della sua mente».
Rolling Stones

 



 

l'autore

Stefan Merrill Block

Stefan Merrill Block

Stefan Merrill Block è nato a Plano, nel Texas. Laureato alla Washington University di Saint Louis, nel Missouri, vive ora a New York. Io non ricordo è il suo primo romanzo.

dello stesso autore: