• Condividi :

Amore e rovina

Paula McLain

Dicembre 1936, Key West, Stati Uniti. Il bar è una bettola dai soffitti bassi, imbiancata a calce e stucco. Fuori c’è un caldo inaudito, e Martha Gellhorn sorseggia un daiquiri con un mucchio di scaglie di ghiaccio, mentre all’altro capo del bancone un tizio trasandato squadra lei e la sua compagnia. Indossa una maglietta lacera e pantaloncini corti che paiono ripescati da un barile di pesce, ha i capelli scuri che gli ricadono da un lato degli occhiali rotondi. In America e, forse, in buona parte del mondo, molti sarebbero in grado di riconoscerlo a un’attenta osservazione. A Martha, però, basta un solo sguardo per capire che quell’uomo è lo stesso ritratto nella foto che lei porta nella borsetta, l’autore di «Non capita mai niente ai coraggiosi», la citazione di Addio alle armi che campeggia sulla sua scrivania, lo scrittore osannato e celebrato dalla stampa di numerosi paesi: Ernest Hemingway.
Ventisettenne, autrice di un romanzo accolto benevolmente dalla critica dopo il fallimento dei precedenti tentativi letterari, collaboratrice saltuaria di diversi periodici, una burrascosa vita sentimentale alle spalle – segnata da una lunga relazione con Bertrand de Jouvenel, il giornalista francese già amante di Colette –, il sogno, custodito a lungo nel cuore, di raggiungere di nuovo l’Europa, ma questa volta non la Germania o la Francia, ma la Spagna, per unirsi alle Brigate accorse a Madrid a difendere la Repubblica dalle armate fasciste di Franco, Martha Gellhorn non ha ancora trovato la sua via quando incontra il suo eroe nel bar di Key West. Nella primavera del 1937 Ernest Hemingway, spedito a Madrid come reporter di guerra dalla North American Newspaper Alliance, la traccerà per lei. Martha infatti lo raggiungerà come «corrispondente speciale» del Collier’s, un incarico ottenuto giusto per passare i controlli. All’Hotel Gran Vía, a qualche chilometro dai combattimenti tra le truppe repubblicane e quelle di Franco, Hemingway la accoglierà con un rapido abbraccio da orso che la lascerà senza fiato e inaugurerà la loro appassionata e tempestosa storia d’amore. Una storia che nel 1940 culminerà nel matrimonio e, ad un tempo, porrà Martha di fronte a un inaggirabile dilemma: vivere all’ombra di un uomo famoso o rischiare di perderlo pur di non rinunciare alle proprie ambizioni?
Secondo romanzo di Paula McLain che, dopo Una moglie a Parigi, ha come suo personaggio principale una donna amata da Ernest Hemingway, Amore e rovina restituisce magnificamente l’avventurosa vita di Martha Gellhorn, una delle più grandi corrispondenti di guerra del XX secolo.

ISBN: 978-88-545-1687-8

Categoria:

Genere:

Collana: I Narratori delle Tavole

Pagine: 416

Tradotto da: Francesca Cosi e Alessandra Repossi

Prezzo:18,00

ISBN: 978-88-545-1687-8

Categoria:

Genere:

Collana: I Narratori delle Tavole

Pagine: 416

Tradotto da: Francesca Cosi e Alessandra Repossi

Prezzo:18,00

RECENSIONI

«Paula McLain trasforma con successo Martha Gellhorn in un’indimenticabile eroina».
The Washington Post

«Se l’amore e la guerra sono due dei più grandi temi della letteratura, qui ci sono entrambi.
I dialoghi di Paula McLain sono, come Hemingway avrebbe apprezzato, autentici e sinceri.
Un romanzo che cattura la passione reciproca tra Gellhorn e Hemingway e la lenta erosione della fiducia da entrambe le parti».
USA Today

EVENTI E NEWS

VIDEO

Newsletter

Resta aggiornato sulle novità e non perderti neanche un'anticipazione

Compila di seguito il campo inserendo la tua mail personale per ricevere la nostra newsletter

Lette e comprese le informazioni sulla privacy autorizzo al trattamento dei dati forniti