• Condividi :

Cospiratori e poeti. Dalla Comune di Parigi al Maggio 68

Diego Gabutti

Storia delle avanguardie e dell’idea di rivoluzione, e dell’alleanza che le lega fin dall’origine, queste pagine mostrano come, prima che «artistiche», le «avanguardie» siano state esistenziali e politiche, nel senso di Rimbaud, che aveva della poesia un’idea eminentemente pratica: «cambiare il mondo e cambiare la vita». Di questo vasto programma, che ha caricato di compiti spropositati la bohème artistica e politica dalla Comune di Parigi al Maggio 68, si faranno infatti carico tutte le avanguardie del XX secolo, cultrici dello scandalo e dell’iperbole, fino all’autoscioglimento  dell’Internazionale situazionista nel 1972.
Da Blanqui al socialismo fiabesco di Fourier, da Breton a Isidore Isou, scrittore e cineasta, fondatore dell’Internazionale lettrista, da Aragon a Guy Debord, scrittore e cineasta anche lui, fondatore dell’Internazionale situazionista, fino alla gioventù metropolitana ribelle della fine degli anni Sessanta, Gabutti narra di cospirazioni reali e illusioni rivoluzionarie, di storie personali e ardite teorie dell’arte e della società, e della loro tendenza a confondersi fino all’indistinguibilità dell’una e dell’altra. Un racconto avvincente che illumina il conflitto tra arte e potere che da più di tre secoli caratterizza le società occidentali.

ISBN: 978-88-545-1685-4

Categoria:

Genere:

Collana: Piccola Biblioteca

Pagine: 288

Tradotto da:

Prezzo:13,00

ISBN: 978-88-545-1685-4

Categoria:

Genere:

Collana: Piccola Biblioteca

Pagine: 288

Tradotto da:

Prezzo:13,00

RECENSIONI

EVENTI E NEWS

VIDEO

Newsletter

Resta aggiornato sulle novità e non perderti neanche un'anticipazione

Compila di seguito il campo inserendo la tua mail personale per ricevere la nostra newsletter

Lette e comprese le informazioni sulla privacy autorizzo al trattamento dei dati forniti