• Home
  • I Colibrì
  • Gli internazionalisti. Come il progetto di bandire la guerra ha cambiato il mondo
  • Condividi :

Gli internazionalisti. Come il progetto di bandire la guerra ha cambiato il mondo

Oona A. Hathaway, Scott J. Shapiro

Il 27 agosto 1928, nel sontuoso Salon de l’Horloge del ministero degli Esteri  francese, alla presenza di rappresentanti di Stato provenienti da tutto il mondo, ha luogo l’evento che, nelle dichiarazioni dei suoi promotori, è destinato a segnare «una data nuova nella storia dell’umanità»: la Signature du pacte générale de renonciation à la guerre.
Maestro di cerimonie è Aristide Briand, ministro degli Esteri francese, vincitore nel 1926 del premio Nobel per la pace per essere stato il mediatore degli accordi di Locarno, un insieme di intese volte a impedire alle maggiori potenze europee di farsi guerra l’un l’altra. Assieme al suo omologo americano, Frank Kellogg, il  segretario di Stato degli Stati Uniti d’America, nei due anni precedenti, Briand si è lungamente adoperato per diffondere lo «spirito di Locarno» nel mondo intero.
La firma del trattato, che segna la fine della «guerra egoista e volontaria», è  annunciata dal ministro degli Esteri francese con toni solenni e trionfalistici. Il patto viene presentato come «un attacco al male nella sua stessa radice» poiché toglie alla guerra «la sua legittimità».
Undici anni dopo, tuttavia, quasi tutti gli Stati accorsi a Parigi per rinunciare alla guerra si ritrovano in guerra, nel conflitto più letale che la storia conosca. Dal 1945 in poi il documento, noto come patto Briand-Kellog, diventa perciò oggetto di aperta derisione: viene definito «puerile, semplicemente puerile» da strateghi della guerra fredda come George Kennan, «singolarmente vacuo» da storici come Ian Kershaw, «una roba ridicola» da diplomatici come Kenneth Adelman.
Un trattato dunque destinato a figurare nel fatuo libro dei sogni dell’umanità?
La tesi contenuta in questa pagine è che l’accordo di Parigi sia tutt’altro che un’illusione perduta. Proibendo agli Stati di ricorrere alla guerra per risolvere i contenziosi, i rappresentanti di Stato riunitisi nella capitale francese nel 1928 non soltanto sancirono la fine dell’ordinamento giuridico adottato nel XVII secolo dagli Stati europei, ma diedero il via a una cascata di eventi che avrebbe portato alla nascita del moderno ordine globale. A quella nuova mappa del mondo caratterizzata dalla rivoluzione dei diritti umani, dall’uso delle sanzioni economiche quale strumento di applicazione della legge e dall’incremento esponenziale delle organizzazioni internazionali che regolano oggi un gran numero di aspetti della nostra vita quotidiana.
Attraverso una minuziosa analisi delle relazioni internazionali dal XVII secolo in poi, e del pensiero di grandi giuristi come Grozio e Carl Schmitt, Gli internazionalisti è un libro indispensabile per comprendere il nostro presente e, ad un tempo, un’opera che mostra come la forza delle idee sia capace di plasmare il mondo.

ISBN: 978-88-545-1018-0

Categoria:

Genere:

Collana: I Colibrì

Pagine: 672

Tradotto da: Filippo Verzotto e Sara Tosetto

Prezzo:25,00

ISBN: 978-88-545-1018-0

Categoria:

Genere:

Collana: I Colibrì

Pagine: 672

Tradotto da: Filippo Verzotto e Sara Tosetto

Prezzo:25,00

RECENSIONI

«L’attrattiva di questo libro stimolante e ampiamente documentato è che ci sfida a vedere le figure che pensavano di poter mettere fuori legge la guerra non come folli visionari, ma come pragmatici la cui idea ha avuto una sorprendente eco nella  creazione del mondo del dopoguerra».
The Wall Street Journal

«Un libro affascinante e stimolante, che solleva questioni urgenti e importanti per il presente. Gli internazionalisti arriva al momento giusto».
Financial Times

«Uno dei punti di forza de Gli internazionalisti è che le idee contano».
The New Yorker

EVENTI E NEWS

VIDEO

Newsletter

Resta aggiornato sulle novità e non perderti neanche un'anticipazione

Compila di seguito il campo inserendo la tua mail personale per ricevere la nostra newsletter

Lette e comprese le informazioni sulla privacy autorizzo al trattamento dei dati forniti