• Condividi :

Il senso della pittura

Ruggero Savinio

Come si manifesta, anzi, quali sono i caratteri di un’espressione – la pittura – che tiene insieme, di là dai cambiamenti storici, i dipinti e i graffiti di Lascaux, di Piero della Francesca, di Courbet, di Picasso, e anche di Edvard Munch, Richard Gerstl, Bonnard, Balthus, Francis Bacon e Lucien Freud?
Tutta questa pittura, dai primordi preistorici al nostro presente, ha qualcosa in comune: la fisicità. La corporeità di cui la pittura è fatta, ma anche quella messa in opera dal pittore. Quindi, la pittura è un fatto fisico. Questo potrebbe essere il primo carattere, ma essenziale e dirimente di ciò che possiamo continuare a chiamare pittura.
Ruggero Savinio racconta, attraverso queste illuminanti pagine, del suo rapporto di intimità coi pittori che considera dei maestri, rispondendo, al contempo, a una serie di urgenti domande: qual è il senso della pittura? Come è cambiato il concetto di pittura nel corso dei secoli? E cosa diventerà la pittura in futuro?

ISBN: 978-88-545-1858-2

Categoria:

Genere:

Collana: Piccola Biblioteca

Pagine: 352

Tradotto da:

Prezzo:15,00

ISBN: 978-88-545-1858-2

Categoria:

Genere:

Collana: Piccola Biblioteca

Pagine: 352

Tradotto da:

Prezzo:15,00

RECENSIONI

«Che cos’è la pittura? Questo interrogativo equivale a dire: come è fatta la pittura? Infatti la pittura è qualcosa di fatto, di fabbricato. Mi rendo conto che quest’affermazione può sembrare smentibile, perché la pittura si sottrae, ormai molto spesso, a ogni fabbricazione: può comparire senza veste corporea, puro prodotto della mente» 

EVENTI E NEWS

VIDEO

Newsletter

Resta aggiornato sulle novità e non perderti neanche un'anticipazione

Compila di seguito il campo inserendo la tua mail personale per ricevere la nostra newsletter

Lette e comprese le informazioni sulla privacy autorizzo al trattamento dei dati forniti