• Condividi :

La maledizione di Melmoth

Sarah Perry

È inverno a Praga, e la notte sta calando sulla città dalle mille guglie. Helen Franklin cammina con lo sguardo fisso sul selciato consumato dal tempo, mentre la neve le cade sulle spalle. Quarantadue anni, al polso l’orologio d’acciaio di sua madre, nella borsa una mela verde e la traduzione dal tedesco cui sta lavorando, Helen ha lasciato l’Inghilterra vent’anni prima. È a Praga, ma non perché abbia ceduto agli incantesimi della splendida città sulla Moldava, ma per una macchia scura, un fantasma mai sopito del suo lontano passato.
All’improvviso, fra il trambusto dei coreani diretti verso i battelli, ode qualcuno gridare il suo nome. Solleva lo sguardo e, benché sia seminascosto dalla folla, riconosce subito Karel Pražan, una delle uniche due persone che frequenta in città. È in maniche di camicia, ha gli occhi infossati degli insonni, le labbra cianotiche per il freddo. Scosso da brividi, stringe al petto una cartellina di cuoio nero chiusa con tre giri di spago.
In un caffè lontano dalla strada gremita di turisti, a un tavolo appartato, protetto da tende di velluto e vetrine appannate, Karel le porge l’involucro che fino a quel momento stringeva a sé con attaccamento misto a disgusto: un manoscritto in tedesco che ha ricevuto dalle mani di un uomo anziano conosciuto in Biblioteca e ora deceduto. Ha l’aria di un antico palinsesto proveniente dagli archivi di un museo, ma è datato 2016 e parla di Melmoth la Testimone, l’Errante, colei al cui cospetto si manifesta il male del mondo, colei che è pronta ad apparire dove regnano desolazione e morte.
Helen ritiene che la storia di Melmoth non sia altro che una sciocca leggenda, ma quando Karel svanisce nel nulla, capisce che il male ha molti volti e che, per lei, il tuono non sarà più soltanto un tuono, e un’ombra non sarà più soltanto una macchia scura sulla parete…
Dopo il grande successo de Il serpente dell’Essex, Sarah Perry ritorna con un romanzo audace e sorprendente, che «suggella il suo ruolo di precorritrice della rinascita gotica della letteratura» (Melissa Harrison).

ISBN: 978-88-545-1746-2

Categoria:

Genere:

Collana: I Narratori delle Tavole

Pagine: 240

Tradotto da: Massimo Ortelio

Prezzo:17,00

ISBN: 978-88-545-1746-2

Categoria:

Genere:

Collana: I Narratori delle Tavole

Pagine: 240

Tradotto da: Massimo Ortelio

Prezzo:17,00

RECENSIONI

«Da sempre ho desiderato far vivere sulla pagina un grande “mostro” – il mio Frankenstein o Dracula – ma volevo che fosse una donna».
Sarah Perry

«Sarah Perry è una scrittrice meravigliosa. La maledizione di Melmoth unisce atmosfera, terrore, paura e malinconia».
Susan Hill

EVENTI E NEWS

VIDEO

Newsletter

Resta aggiornato sulle novità e non perderti neanche un'anticipazione

Compila di seguito il campo inserendo la tua mail personale per ricevere la nostra newsletter

Lette e comprese le informazioni sulla privacy autorizzo al trattamento dei dati forniti