Neri Pozza Editore | La storia negata. Il revisionismo e il suo uso politico
 
  • Home
  • Bloom
  • La storia negata. Il revisionismo e il suo uso politico
  • Condividi :

La storia negata. Il revisionismo e il suo uso politico

Angelo Del Boca

Compra on-line

Compra l'Ebook

Sottoporre a revisione la storia è il compito stesso degli studiosi, essendo la storiografia nient'altro che una costante riscrittura della storia. Perché, dunque, degli storici come gli autori di questo libro dovrebbero schierarsi contro il «revisionismo»? Perché sotto questo termine si è delineato, nel corso degli ultimi decenni in Italia e nel mondo, un «uso politico della storia» che ha poco a che fare con la ricerca storiografica. Un «uso politico» dalle molteplici diramazioni, ma che, soprattutto nella distorta ricostruzione della nostra storia nazionale, presenta alcune opinioni ossessivamente ripetute: l'idea che il Risorgimento sia stato una guerra di annessione e non un movimento di rinascita per l'unità nazionale; la concezione del fascismo come tentativo autoritario bonario, distinto dal totalitarismo nazista e volto all'edificazione di una patria che non sarebbe esistita prima; l'ipotesi della morte definitiva della patria sancita dall'8 Settembre e la conseguente rivalutazione dei combattenti di Salò come autentici patrioti; la Resistenza trattata come una guerra scatenata da bande al servizio dell'Unione Sovietica; l'affermazione, antirisorgimentale per eccellenza, che l'unico vero collante del nostro paese è il cattolicesimo; la conseguente considerazione positiva delle ingerenze della Chiesa nella vita politica e civile a partire dal 1861 fino ai nostri giorni. Tesi politiche che non hanno la benché minima serietà né il rigore dell'autentica indagine storica, ma che, raffigurando gli avversari come i difensori di una «vulgata resistenziale», di «verità di regime», mirano a distruggere i fondamenti stessi della nostra storia repubblicana e della nostra Costituzione. Contro questo «revisionismo», i suoi sconfinamenti nella storia d'Europa (la questione balcanica, innanzi tutto, ma anche le imprese coloniali), la sua deriva (la Shoah e il negazionismo), si schierano finalmente in questo libro alcuni tra i migliori storici italiani. Dal Risorgimento al dopoguerra, tutti le questioni storiche su cui il revisionismo esercita da tempo la sua opera di stravolgimento della verità vengono passate in rassegna (il brigantaggio, il colonialismo italiano, il Ventennio fascista, la Resistenza, le foibe) con il rigore dei piú recenti studi storici e l'orgoglio della difesa delle pagine migliori della nostra storia nazionale, in primo luogo il Risorgimento e la Resistenza.

«Contro il rischio di una totale e interessata falsificazione della storia, ci siamo soltanto permessi di indicare, senza alcuna pretesa di essere i depositari della verità assoluta, e tanto meno di costituire un manifesto di intenti, la nebulosa di contraffazioni che ci opprime, ci soffoca, ci avvilisce».
Angelo Del Boca

ISBN: 978-88-545-0371-7

Categoria:

Genere:

Collana: Bloom

Pagine: 384

Tradotto da:

Prezzo:20,00

ISBN: 978-88-545-0371-7

Categoria:

Genere:

Collana: Bloom

Pagine: 384

Tradotto da:

Prezzo:20,00

RECENSIONI

A CURA DI ANGELO DEL BOCA

GLI AUTORI:

ALDO AGOSTI
ha insegnato Storia contemporanea all'Università di Torino.Tra le sue opere Togliatti, un uomo di frontiera (Utet, 2003; prima ed. 1996), Bandiere rosse. Un profilo storico dei comunismi europei (Editori Riuniti, 1999), Storia del Pci (Laterza, 1999), La Terza Internazionale. Storia documentaria, (Editori Riuniti, 1974-1979).

LUCIA CECI insegna Storia contemporanea all'Università di Roma Tor Vergata. Tra le sue opere Il vessillo e la croce. Colonialismo, missioni cattoliche e islam in Somalia (1903-1924) (Carocci, 2006) e La teologia della liberazione in America latina. L'opera di Gustavo Gutiérrez (Franco Angeli, 1999).

ENZO COLLOTTI ha insegnato Storia contemporanea all'Università di Firenze. È uno dei piú importanti storici della Resistenza in Europa. Tra le sue opere Il fascismo e gli ebrei. Le leggi razziali in Italia (Laterza, 2004), Fascismo, fascismi (Sansoni, 1989, 2004), La Germania nazista (Einaudi, 1962, 1972).

GIOVANNI DE LUNA insegna Storia contemporanea all'Università di Torino. Tra i suoi ultimi libri Il corpo del nemico ucciso. Violenza e morte nelle guerre contemporanee (Einaudi, 2006), Le ragioni di un decennio. 1969-1979. Militanza, violenza, sconfitta, memoria (Feltrinelli, 2009).

ANGELO D'ORSI insegna Storia del pensiero politico all'Università di Torino. Tra le sue opere piú recenti I chierici alla guerra (Bollati Boringhieri, 2005), Intellettuali nel Novecento italiano (Einaudi, 2001), La cultura a Torino tra le due guerre (Einaudi, 2000).

MIMMO FRANZINELLI, studioso del fascismo e dell'Italia contemporanea, ha pubblicato recentemente Il delitto Rosselli (Mondadori, 2007), La sottile linea nera (Rizzoli, 2008), Bene-duce (Mondadori, 2009, con Marco Magnani) e Fiume. L'ultima avventura di d'Annunzio (Mondadori, 2009, con Paolo Cavassini). Sito internet: http://www.neripozza.it//

MARIO ISNENGHI insegna Storia contemporanea all'Università di Venezia. Tra le sue ultime opere Garibaldi fu ferito. Storia e mito di un rivoluzionario disciplinato (Donzelli, 2007) e la direzione dell'opera in cinque volumi Gli Italiani in guerra. Conflitti identità memorie dal Risorgimento ai giorni nostri (Utet, 2008-2009).

NICOLA LABANCA insegna Storia contemporanea all'Università di Siena. Tra le sue pubblicazioni Guerre contemporanee. Dal 1945 ad oggi (Giunti, 2008), Una guerra per l'impero. Memorie dei combattenti della campagna d'Etiopia 1935-36 (il Mulino, 2005), Oltremare. Storia dell'espansione coloniale italiana (il Mulino, 2002, 2007).

GIORGIO ROCHAT ha insegnato Storia contemporanea nelle Università di Milano, Ferrara e Torino.Tra i suoi molti volumi ricordiamo: Le guerre italiane 1935-1943 (Einaudi, 2005, 2008), La Grande Guerra 1914-1918, con Mario Isnenghi (La Nuova Italia, 2000; il Mulino, 2008), L'esercito italiano da Vittorio Veneto a Mussolini 1919-1925 (Laterza, 1967, 2006).

NICOLA TRANFAGLIA insegna Storia dell'Europa e Storia del giornalismo all'Università di Torino. Tra i suoi libri piú recenti: Mafia, politica e affari 1943-2008 (Laterza, 2008), Un passato scomodo. Fascismo e postfascismo (Baldini Castoldi Dalai, 2006), La stampa del regime 1932-1943. Le veline del Minculpop per orientare l'informazione (Bompiani, 2005).

 

 

 

«Tutte le battaglie storiografiche degli ultimi anni di storia italiana. [...] Tutti i saggi sono interessanti, vivaci brillanti e, naturalmente, discutibili».
Sergio Romano, il Corriere della Sera

 

«Una guida particolarmente affidabile sul revisionismo in Italia [...] dieci saggi redatti da studiosi autorevoli, che stilano un inventario completo delle tesi revisionistiche sulla storia italiana dell'Ottocento-Novecento e riflettono intorno al loro uso politico».
Sergio Luzzato, Il Sole 24 Ore

EVENTI E NEWS

VIDEO

Newsletter

Resta aggiornato sulle novità e non perderti neanche un'anticipazione

Compila di seguito il campo inserendo la tua mail personale per ricevere la nostra newsletter