Neri Pozza [0]

news

Domenico Quirico: «Mi faccio travolgere dalle vite degli altri»

03.05.2017
Domenico Quirico: «Mi faccio travolgere dalle vite degli altri»

"Puoi fare questo mestiere solo se le cose le vivi, non per sentito dire" dice il giornalista de La Stampa. La sua storia (compreso il SEQUESTRO da...

Earth Day 2017 | La grande cecitą di Amitav Ghosh

22.04.2017
Earth Day 2017 | La grande cecitą di Amitav Ghosh

L’ Earth Day (la Giornata della Terra) è la più grande manifestazione ambientale del pianeta, celebrata ogni anno il 22 aprile, un mese e due...

Ralf Rothmann vince il Premio Kleist

18.04.2017
Ralf Rothmann vince il Premio Kleist

Siamo felici di annunciare che Ralf Rothmann, autore di Morire in privavera, ha vinto il Premio Kleist, prestigioso rinoscimento letterario tedesco...

cerca un libro

newsletter

Iscrivetevi alla nostra newsletter, sarete sempre aggiornati su tutte le nostre iniziative e pubblicazioni.




 Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

Scheda libro

I best seller Neri Pozza

ritorna

Morire in primavera

Autore: Ralf Rothmann
Titolo: Morire in primavera

collana: Bloom

ISBN 978-88-545-1162-0
Pagine 208
Euro 16,00
Collana: Bloom
INVITO ALLA LETTURA Morire in primavera

Nel tardo inverno del 1945, nella Germania del nord, Walter e Fiete, diciassette anni ciascuno, lavorano come mungitori in un podere dal magnifico stemma con un cavallo nero sotto due falci incrociate. Il podere mostra tutti i segni della guerra. Lo stemma giace a terra in giardino, le travi della torre dell’orologio si ergono carbonizzate nel cielo, il portico è storto e danneggiato dopo un attacco dei caccia. «Il soldato Ivan è già sull’Oder», sussurrano le donne e sperano che quell’ultimo sussulto di guerra non si porti via, dopo gli uomini, anche i ragazzini del podere, come Walter e Fiete, mungitori dalla faccia pulita.
Walter pensa che non lo spediranno mai al fronte. Sparava storto già nella Gioventú Hitleriana, ha gli occhi che non vanno, munge mucche, fa un lavoro che qualcuno deve pur fare. Inoltre, deve ancora finire di brigare con Elizabeth, la ragazza che fuma come una ciminiera e, con le sue sopracciglia, i riccioli neri e una sfrontatezza senza pari, sembra una zingara.
Fiete, il suo amico piú caro, ha il volto scarno, la carnagione imberbe, le ciglia lunghe e ricce e, se chiude gli occhi pesti, pare una ragazza.
Quando beve, anziché dire «Heil Hitler», dice «Drei Liter». Ha già la fidanzata: Ortrud, dalle labbra rosse come nessuna. Insomma, è tutto fuorché un soldatino di piombo pronto a difendere l’onore della grande Germania.
A una festa, però, lungo il canale, tra barili di birra e un’orchestrina di otto elementi, compaiono anche le Waffen-SS, con le loro divise grigioverdi pulite, stivali lustri e un invito cui nessuno può sottrarsi, pena ritrovarsi un cappio attorno al collo: arruolarsi per sancire la fedeltà al Führer, al popolo, alla patria e alla fede incrollabile nella vittoria!
Walter e Fiete si ritrovano cosí in Ungheria. Walter a trasportare rifornimenti per le truppe e Fiete nell’orrore del fronte. Fiete rimedia una scheggia sotto la clavicola, viene curato alla meglio e rispedito in prima linea, dove gli ufficiali tirano le bombe a mano sui talloni dei loro stessi uomini per riuscire a mandarli all’attacco.
Salutata in Germania come una delle opere piú importanti della narrativa tedesca contemporanea, capace di inaugurare finalmente «l’era post-Günther Grass» (Die Zeit), Morire in primavera è piú di un libro sulla guerra e sulla follia nazista. È un romanzo in cui l’innocenza e la colpa, la libertà e il destino, l’amicizia e il tradimento sono chiamati a raccolta in una prosa limpida e controllata che colpisce al cuore.

ordinabile a IBS

«Morire in primavera è un romanzo grandioso, piú forte di qualsiasi esperienza letteraria. Ed è anche molto piú di un romanzo pacifista. Il miglior libro che ho letto quest’anno».
Sebastian Hammelehle, Der Spiegel

«È ormai una certezza: con Morire in primavera è stata ufficialmente e potentemente inaugurata l’era post-Günther Grass».
Die Zeit

«Raramente sono stati descritti in modo così radicale e avvincente la barbarie e l’orrore della guerra. Raramente la letteratura ha usato i propri mezzi in modo tanto magistrale».
Deutschlandradio Kultur

«Rothmann, uno tra i più importanti autori tedeschi, è forse il narratore più sensibile della sua generazione».
Frankfurter Allgemeine Zeitung

«Ci sono romanzi che sembrano naturalmente predisposti a conoscere una trasposizione cinematografica... Perché rivendicano l’essenza della propria natura – l’amore per le nuance e l’introspezione psicologica, il gusto della sosta, la concentrazione sul dettaglio, il piacere del giro di frase ben tornito – quella scrittura orgogliosamente letteraria può dare luogo a pagine che si prestano, oltre che ad essere lette, anche ad essere “viste”».
Franco Marcoaldi, la Repubblica

«Un libro che non è solo un bel romanzo sulla seconda guerra mondiale, sul tacere dei padri e sullo sconforto che hanno trasmesso alla generazione successiva. È anche un trionfo della lingua, della bella lingua».
Vito Punzi, Avvenire

«L’epica di Rothmann trova la giusta e sofferta distanza per parlare di tempi bui in cui l’innocenza si trasforma in colpa, l’amicizia in tradimento, la vita in un rituale di morte».
Luigi Forte, ttl la Stampa

«Rothmann fa “crescere una storia dal silenzio”, quello di una generazione in cui non tutti furono carnefici».
Lara Crinò, il Venerdì di Repubblica

«Due angeli con la divisa delle Waffen-SS. Due amici fraterni chiamati a recitare la parte di Caino e Abele».
Alessandra Iadicco, la Lettura - Corriere della Sera

«Un libro commovente sull’amicizia e l’insensatezza della guerra».
Michela Gelati, Famiglia Cristiana

l'autore

Ralf Rothmann

Ralf Rothmann

Ralf Rothmann (1953) è uno scrittore, poeta e drammaturgo tedesco, vincitore del Premio Francoforte-Bergen, del prestigioso Literaturpreis der Konrad-Adenauer-Stiftung e, nel 2013, del Friedrich-Hölderlin-Prize. I suoi romanzi sono tradotti in piú di dieci lingue.