Neri Pozza [0]

cerca un libro

newsletter

Iscrivetevi alla nostra newsletter, sarete sempre aggiornati su tutte le nostre iniziative e pubblicazioni.




 Autorizzo al trattamento dei miei dati ai sensi della legge sulla privacy (D.Lgs. 196/2003)

dettaglio articolo

magazine

torna all'elenco

GLI SS RAGAZZINI MANDATI A FERMARE IL SOLDATO IVAN

GLI SS RAGAZZINI MANDATI A FERMARE IL SOLDATO IVAN

Venerdì di Repubblica

di Lara Crinò

Due giovanissime reclute contro i russi: il bestseller di Raiph Rotmann racconta una generazione perduta in cui non tutti furono carnefici.

Due ragazzi costretti a diventare soldati per forza, che nell'inferno della guerra si sostengono e si aiutano, scoprendo un ultimo barlume d'umanità. La trama di Morire in primavera (Neri Pozza, pp. 205, euro 16, traduzione di Riccardo Cravero) non spiccherebbe tra tanti romanzi bellici, se non fosse che Walter e Fiete sono due giovanissime reclute delle SS, il famigerato corpo paramilitare del partito Nazional socialista tedesco, inviate negli ultimi mesi del secondo conflitto mondiale a tentare di fermare «il soldato Ivan», l'avanzata dei russi sul fronte orientale. È da questa prospettiva, mettendo addosso ai suoi protagonisti la più scomoda delle divise e mostrandoci con i loro occhi l'abiezione del nazismo, che Ralph Rothmann ha conquistato i lettori e la critica tedeschi (secondo Die Zeit inaugura «l'era post-Giinter Grass»).Muovendosi sul crinalepericoloso della biografia familiare ed evocando aspetti meno noti della macchina bellica germanica, dall'uso di psicofarmaci tra i soldati al trattamento spietato verso i disertori, Rothmann fa «crescere una storia dal silenzio». Quello di una generazione in cui non tutti furono carnefici ma che ha rimosso a lungo il peso del passato.
Il romanzo si ispira alla storia di suo padre. Perché ha deciso di raccontare la sua tragica giovinezza?
«Volevo indagare il segreto che gli attribuivo, cercare una spiegazione alla sua malinconia plumbea. Immaginavo che derivasse dal fatto che lui, reclutato contro la sua volontà, si sentiva una vittima del regime e tuttavia per il fatto di aver portato l'uniforme delle SS si ritrovò dopo il 1945 nella parte del carnefice. Non ci capì più nulla e reagì ritraendosi nella tristezza, una tristezza che io da bambino riconducevo a me».
Negli ultimi mesi di guerra, Walter va in cerca della tomba del padre, violento e alcolizzato, che ha fatto la guardia a Dachau.
«Anche questo è un dettaglio biografico. Mio nonno, che era disoccupato, finì a fare la guardia nel campo. L'unica volta in cui mostrò un po' di pietà per i prigionieri firmò la sua condanna a morte: Se vogliamo capire non dobbiamo semplificare. Pur con tutta la bestialità del regime nazista, non tutti quelli che ne facevano parte erano assassini patentati. "O fai come gli altri o finisci al muro", per molti la situazione era questa. Vorrei che chi legge si chiedesse: "Cosa avrei fatto io?"».
Nel romanzo, le relazioni sociali e familiari sembrano malate. Un altro aspetto dell'incubo del Terzo Reich.
«I ragazzi cresciuti durante il nazismo non sarebbero nemmeno stati in grado di scrivere la parola "comunicare". La riduzione del vocabolario è da sempre uno strumento di potere e allora si poteva solo ordinare e ubbidire, anche in famiglia».
La Germania è uscita da quella incapacità di comunicare?
«Alle letture pubbliche c'erano persone della mia generazione, nati negli anni 50. Molti mi hanno detto che avevo reso più comprensibile il passato dei loro padri e il loro silenzio. Così sento di aver colmato un vuoto, non solo della mia storia ma anche della loro».


news

Eshkol Nevo e Francesco Formaggi a Libri Come 2017

19.03.2017
Eshkol Nevo e Francesco Formaggi a Libri Come 2017

Eshkol Nevo presenta TRE PIANI domenica 19 marzo, ore 16.00 Auditorium Parco della Musica - Sala Ospiti Via Pietro de Coubertin 30,  Roma  ...

Soirée Berto a Milano

31.01.2017
Soirée Berto a Milano

  Martedì 31 gennaio, ore 18.00 Teatro Franco Parenti (via Pier Lombardo, 14) Camilla Baresani, Pierluigi Battista, Antonio Scurati, Emanuele...

Riccardo Cravero vince il Premio Nini Agosti Castellani 2016 per la traduzione di Morire in primavera

13.12.2016
Riccardo Cravero vince il Premio Nini Agosti Castellani 2016 per la traduzione di Morire in primavera

Riccardo Cravero, traduttore di Morire in primavera di Ralf Rothmann, ha vinto il Premio intitolato a Nini Agosti Castellan i per la miglior...

Franck Bouysse al Noir in Festival

12.12.2016
Franck Bouysse al Noir in Festival

Lunedì 12 dicembre, ore 18.30 Anteo SpazioCinema (Via Milazzo, 9 - Milano) in occasione della XXVI edizione del Noir in Festival Franck Bouysse...