Neri Pozza Editore | Beppe Sebaste
 
  • Condividi :

Beppe Sebaste

Beppe Sebaste (www.beppesebaste.com) è nato a Parma nel 1959. Laureato all’università di Bologna con Luciano Anceschi, è scrittore e poeta. Per molti anni ha scritto per l’Unità e la Repubblica. Dopo molti anni passati a Ginevra e Parigi, ora vive tra Roma e l’Umbria. Tra i suoi libri: Niente di tutto questo mi appartiene (1994), H.P. L’ultimo autista di Lady Diana (1997), Panchine. Come uscire dal mondo senza uscirne (2008; sesta edizione 2018), Oggetti smarriti e altre apparizioni (2009), Come un cinghiale in una macchia di inchiostro (2018).

I LIBRI

Una vita dolce

Beppe Sebaste

Definire Beppe Sebaste un eccentrico sarebbe giusto. Anche se la sua eccentricità fa sempre perno su un’idea della letteratura molto ben definita e solida. Una vita dolce è prima di ogni cosa un romanzo. Una serie di storie che si sommano in una narrazione che ha al suo centro la vicenda dolorosa della compagna del protagonista del romanzo. Attorno c’è la ricerca di un senso della vita, il ricordo dei viaggi, la passione per l’Oriente, storie che rendono questo testo intenso, sorprendente, felice. Sebaste ci porta dentro il dolore, ma anche dentro il miracolo dell’esistenza. Ci racconta favole antiche, si identifica con il suo protagonista fino a farci pensare che questo è sì un romanzo eccentrico, ma è soprattutto un memoir. Alla fine usciamo da queste pagine con lo stesso stupore e la stessa incredulità che proviamo dopo aver fatto un viaggio importante. Sentendo ancora addosso la capacità dell’autore di raccontare il suo dolore e il suo smarrimento, senza alcun filtro, ma come fosse una opportunità, una bellezza, una verità del mondo. Romanzo che non è un romanzo, quaderno di pensieri, diario intimo, confessione del proprio dolore, Una vita dolce è un libro originale e moderno, toccante, di una saggezza e sensibilità estreme. Che contiene parole che sarà difficile dimenticare: «S. e io stiamo per entrare nella notte. È il nostro viaggio e il nostro vascello insieme. Ho paura, per lei e per me. Che la notte cancelli o nasconda anche solo in parte la luce tenera e forte che ha fatto innamorare di S. chiunque l’abbia incontrata nel corso della sua malattia. Riusciremo a tenerla accesa, a colorarla? Se lei scompare, sono io che non vedo. Se divento invisibile, sono ancora io a essere cieco. Se lei diventa cieca, sono sempre io a non vedere».

Newsletter

Resta aggiornato sulle novità e non perderti neanche un'anticipazione

Compila di seguito il campo inserendo la tua mail personale per ricevere la nostra newsletter