I primi titoli del 2024

Dal nuovo romanzo di Michael McDowell, passando per la ricerca storica di Gaëlle Nohant, fino a Francesco Pala, l’autore vincitore del Premio Neri Pozza: ecco tre nuovi titoli da tenere d’occhio.

Gli aghi d’oro, Michael McDowell

Del nuovo romanzo di Michael McDowell abbiamo già svelato qualcosa (QUI per leggere parte del Prologo di Mezzanotte; QUI per conoscere meglio i personaggi del romanzo).
All’alba del XIX secolo, nel Triangolo Nero, il decadente quartiere di New York fatto di casinò, ubriachi, prostitute e retrobottega dove si praticano aborti illegali, la regina indiscussa è Lena Shanks, la cui famiglia guida una rete di criminalità tutta al femminile. A soli pochi isolati di distanza, tra le eleganti e aristocratiche dimore di Gramercy Park e Washington Square, vivono il giudice James Stallworth e la sua famiglia. Al solo obiettivo di assumere il controllo della città, gli Stallworth ingaggiano una lotta senza quartiere alla corruzione che dilaga, concentrando l'offensiva proprio in direzione degli Shanks.
Si tratta di un romanzo imperdibile per tutti coloro che hanno amato la saga di Blackwater. Pur essendo un romanzo autoconclusivo, con ambientazioni e temi diversi, troviamo lo stesso cupo e brillante umorismo e la stessa attenzione nella definizione di un’atmosfera e di personaggi che restano impressi, catapultandoci in un nuovo, ipnotico universo McDowell.

29.png

L’archivio dei destini, Gaëlle Nohant

«Scrivo perché il mondo s’ingrandisca, per avere altre vite oltre la mia».
Gaëlle Nohant
Istituito nel cuore della Germania alla fine della Seconda guerra mondiale, l’International Tracing Service è il piú grande centro di documentazione e ricerca sulle persecuzioni naziste. È qui che nel 1990 Irène, francese trapiantata in terra tedesca, trova un impiego, e sempre qui scopre una grande vocazione per il lavoro investigativo. Nell’autunno del 2016 improvvisamente si vede affidare un compito molto particolare: restituire le migliaia di oggetti che sono stati rinvenuti nei campi di concentramento ai loro proprietari o ai loro cari. È l’inizio di una passione divorante per la verità, di una vita vissuta nella necessità continua di scoprire. Irène viaggerà fra Varsavia e Parigi, Berlino e la Grecia, passando per l’Argentina, ma cercando le persone scomparse si imbatterà più volte nel suo stesso passato.
Si tratta di un romanzo sulla memoria collettiva dell’Europa, un oceano che la protagonista si ripropone di ricostruire goccia dopo goccia.

Copertina sito (22).png

L’ultimo viaggio di Lenin, Francesco Pala

Il romanzo vincitore della sesta edizione del Premio Neri Pozza è potente, visionario, filosofico e, soprattutto, divertentissimo.
Quando, nel gennaio del 1924, muore Lenin, Stalin decide di farne imbalsamare il corpo. Più avanti, con l'invasione della Russia per volontà di Hitler, Stalin stabilisce di traferire la salma a Tiumen’, in Siberia. Parte dunque un convoglio composto da una locomotiva e otto rimorchi, sotto la custodia di ottanta soldati dell’Armata Rossa e sei medici, tutti isolati e senza contatti con la popolazione a parte quelli strettamente necessari. La spedizione prende una svolta inaspettata quando il soldato Arkadij Antonov vede Lenin aprire gli occhi e rivolgere uno sguardo al soffitto.
È l’inizio del Grande Viaggio, all'insegna del rocambolesco e del tragicomico, che ha come scopo quello di fondare la Repubblica popolare di Leninesia (sulla base del saggio filosofico ed esoterico Itinerarium mentis in Lenin), che dovrebbe rappresentare il punto estremo del progresso comunista: l'immortalità raggiunta per vie scientifiche.
«L’ultimo viaggio di Lenin è una storia stramba che si legge come un romanzo d'avventura. È colta e ironica, anche, e in fondo parla del desiderio che abbiamo tutti: quello di vivere in un mondo perfetto».
Andrea Tarabbia

27.png

I volumi
Michael McDowell

Gli aghi d’oro

«Accattivante, terrificante e assolutamente geniale... Chi ha letto gli altri libri di Michael McDowell amerà anche Gli aghi d’oro. È profondamente gratificante lasciarsi trasportare da un romanziere all’apice delle sue capacità»
Stephen King
Traduzione di Elena Cantoni
2024, pp. 540, € 14,90
Altre edizioni
  • E-book
    2024, pp. , € 8,99
Un gruppo di comunisti delusi da Stalin rapisce la salma di Lenin e fonda la Repubblica popolare di Leninesia sulla base del saggio, filosofico ed esoterico, Itinerarium mentis in Lenin.
Un romanzo potente, visionario, filosofico e divertentissimo, vincitore della sesta edizione del Premio Neri Pozza.
2024, pp. 288, € 18,00
Altre edizioni
  • E-book
    2024, pp. , € 9,99
Gaëlle Nohant

L’archivio dei destini

Francese emigrata in Germania, Irène viene incaricata di restituire ai sopravvissuti della Shoah oggetti ritrovati nei campi. Le storie di due donne si intrecciano per restituire al lettore un libro emozionante, insieme poetico e brutale, impossibile da abbandonare.
Traduzione di Luigi Maria Sponzilli
2024, pp. 336, € 20,00
Altre edizioni
  • E-book
    2024, pp. , € 9,99
Ultimi post
22/02/2024

Quattro chiacchiere con Elena Rausa

L’autrice de Le invisibili racconta il suo nuovo romanzo, nato dalla curiosità per un fatto autobiografico e sviluppato intorno al grande rimosso della nostra storia coloniale

06/02/2024

Dietro la copertina di Cani di paglia nell’universo

Abbiamo chiesto all’illustratrice Chiara Ghigliazza e a Sabine Schultz, vicedirettrice editoriale di Neri Pozza, di raccontarci la copertina del romanzo di Ye Chun, un’immagine che ci parla di radici