Perché leggere Il patto dell’acqua

Perché leggere “Il patto dell’acqua” di Abraham Verghese, saga famigliare di un’India in cammino verso la sua trasformazione politica

Il patto dell’acqua
Sabine Schultz    08/06/2023

Il patto dell’acqua: più di una saga famigliare

I motivi per leggere Il patto dell'acqua di Abraham Verghese sono molti, moltissimi. Saga famigliare e insieme evocazione luminosa di un’India in cammino verso la sua trasformazione politica e culturale, rappresenta la celebrazione di un popolo antico immerso in una natura ancora prepotente. Elencare tutti i pregi di un libro-mondo di tale straordinaria potenza, un libro che custodisce tutti gli eventi preziosi dell’esperienza umana, è difficile. Ma mi piacerebbe illuminarne uno in particolare, non perché mi abbia colpito più di altri, ma perché rappresenta a mio avviso la perfetta metafora per spiegare le intenzioni dell’autore. Si tratta della presenza dell’elefante Damodaran. Persino il Los Angeles Times invita i lettori a immergersi in questo romanzo per il Kerala e a restare per l’elefante devoto.

L’elefante Damodaran

Quando la giovanissima protagonista del romanzo – scopriremo il suo vero nome soltanto a pagina 464 –, arriva nella casa del marito, molto più grande di lei, non sa cosa l’aspetta. Una mattina all’alba viene sorpresa da una strana presenza: «su di lei incombe un gelsomino sradicato, saldamente tenuto dalla proboscide di un elefante. I fiori ondeggiano nell’aria, poi le si fermano davanti. Sente sul volto un respiro antico, caldo e umido. Minuscoli frammenti di terra le cadono sul collo. La paura svanisce. Esitando, allunga una mano per accettare il dono». Lei segue l’elefante e lo ritrova in una radura. «Sembra una montagna, poi delle orecchie che si agitano languidamente… una statua scolpita nella nera pietra della notte. L’elefante è vero e reale, non è un fantasma». Fino ad allora aveva visto elefanti venerati nei templi e coccolati, elefanti per il trasporto di legname che attraversano pesantemente i villaggi diretti alla foresta. Ma questo elefante che sembra nascondere le stelle è di sicuro il più grosso che abbia mai visto. Poi nota, vicino all’elefante, un uomo che dorme su una branda di corda. Dall’intelaiatura di legno incurvata sporgono i gomiti e le ginocchia di suo marito. Nella postura del suo robusto braccio sinistro, piegato per fargli da cuscino, e nelle dita della mano strette l’una all’altra scorge il riflesso dell’ospite inatteso che le ha appena offerto il gelsomino.

L’amore e la gentilezza vincono sulla violenza

Pur essendo un romanzo ricco di avvenimenti tragici, alla fine al lettore resta questo: «una prosa sorretta da una profonda e coerente architettura morale dell’animo umano» (New York Times), che non dimentica mai «che l’amore e la gentilezza d’animo possono vincere sulla violenza» (Los Angeles Times).

Guarda il booktrailer

Oprah Winfrey consiglia Il patto dell’acqua

I volumi
Abraham Verghese

Il patto dell’acqua

Un’incredibile e magistrale epopea di amore, fede e medicina, ambientata nell’India del Sud, nel distretto del Kerala, che segue tre generazioni di una famiglia cristiana che cerca di liberarsi da una strana maledizione.
Traduzione di Luigi Maria Sponzilli
2023, pp. 736, € 22,00
Altre edizioni
  • E-book
    2023, pp. 736, € 9,99
Ultimi post
22/02/2024

Quattro chiacchiere con Elena Rausa

L’autrice de Le invisibili racconta il suo nuovo romanzo, nato dalla curiosità per un fatto autobiografico e sviluppato intorno al grande rimosso della nostra storia coloniale

06/02/2024

Dietro la copertina di Cani di paglia nell’universo

Abbiamo chiesto all’illustratrice Chiara Ghigliazza e a Sabine Schultz, vicedirettrice editoriale di Neri Pozza, di raccontarci la copertina del romanzo di Ye Chun, un’immagine che ci parla di radici