Neri Pozza Editore | La Quarta Prosa
 
  • Home
  • La Quarta Prosa

La Quarta Prosa

La critica della modernità nelle opere di grandi pensatori, dei cabalisti, dei trattatisti, medievali

In primo piano

Celebrare la consapevolezza

Ivan Illich

Inizia con questo volume la pubblicazione della prima edizione mondiale delle Opere complete di Ivan Illich, un autore la cui attualità e il cui significato, al di là della sua prima, clamorosa ricezione negli anni Settanta del Novecento, forse solo oggi sono diventati pienamente visibili.
La sua critica radicale della modernità e delle istituzioni dell’Occidente coincide infatti con un nuovo sguardo sull’umanità dell’uomo, che non appare più come una natura biologica o un’identità culturale presupposta, ma come l’insieme delle pratiche e delle tecniche immemoriali attraverso le quali gli uomini e le donne si rendono la vita possibile, cioè come la dimensione che Illich chiama «convivialità».
Si suole distinguere nella biografia di Illich il periodo in cui egli opera ancora all’interno della Chiesa e quello in cui dichiarerà di rinunciare per sempre all’esercizio del ministero sacerdotale, iniziando un’attività di scrittore e conferenziere che farà di lui in pochi anni una figura conosciuta e discussa in tutto il mondo. I testi raccolti in questo primo volume, in buona parte inediti, mostrano che fra l’Illich dentro la Chiesa e quello fuori (o ai margini) della Chiesa non è possibile segnare alcuna frattura. La concettualità dell’Illich critico della modernità e archeologo della convivialità nasce come uno sviluppo radicale e coerente di categorie teologiche e filosofiche già presenti nel pensiero del sacerdote, prima di tutto quella escatologica di Regno, che non è per lui un compito da realizzare nel futuro, ma qualcosa di integralmente presente, di cui occorre testimoniare qui e ora.

Dai principi all'anarchia

Reiner Schürmann

La pubblicazione, nel 1982, di Dai principi all’anarchia (ampliato nell’edizione inglese del 1986, che qui si ripropone, nella splendida traduzione di Gianni Carchia) ha segnato una svolta nell’interpretazione del pensiero di Heidegger e, conseguentemente, di tutta la storia della metafisica occidentale. Se si volesse compendiarne drasticamente in una formula la novità, si potrebbe dire che all’interpretazione di destra di Heidegger, come il pensatore che ha restituito all’essere la sua aura originale, e a quella democratica, che vede in lui l’iniziatore di una decostruzione infinita della tradizione, Schürmann sostituisce un’interpretazione risolutamente anarchica. Accanto e al di là dell’essere come principio della storia epocale dell’occidente sta ora un puro, astorico venire alla presenza, che non fonda né principi né epoche. All’originale, in cui ogni epoca dell’occidente ha cercato il suo fondamento, si contrappone l’originario, un’insorgenza anarchica che non ha storia né destino. Corollario di questa svolta anarchica è che quel che nel nostro tempo giunge alla sua fine non è il pensiero, ma solo la storia epocale dei principi: al di là di questa, si aprono una politica e un pensiero liberati dalla «vigilanza dei principi», in cui per gli uomini, non più «animali razionali», ma semplicemente «mortali», diventa per la prima volta possibile rispondere alla domanda «Che fare alla fine della metafisica?».
Giorgio Agamben

Ricerca Avanzata

Newsletter

Resta aggiornato sulle novità e non perderti neanche un'anticipazione

Compila di seguito il campo inserendo la tua mail personale per ricevere la nostra newsletter