Neri Pozza Editore | Il fiume dell'oppio
 
  • Condividi :

Il fiume dell'oppio

Amitav Ghosh

Compra on-line

Compra l'Ebook

È il settembre del 1838 quando una terribile burrasca si abbatte sulla Ibis, la goletta a due alberi in viaggio verso Mauritius con il suo carico di «coolie», di «delinquenti». Come un uccello mitologico in balia del vento, con il bompresso come un grande becco e le vele come due enormi ali spiegate, la Ibis resiste miracolosamente alla furia dell'uragano.
Nel fracasso della tempesta, tuttavia, tra lampi, tuoni e marosi, una scialuppa si allontana lestamente dalla goletta. È una barca di fuggitivi e a bordo reca due lascari, i leggendari marinai che parlano una lingua tutta loro, e tre coolie che dovrebbero scontare la loro pena a Mauritius: Kalua l'ex lottatore strappato ai campi di papaveri indiani, Ah Fatt, il figlio di un ricco mercante di Bombay e di una donna cinese, Neel, il raja di Raskhali che ha sperperato la sua ricchezza, indebitandosi con i mercanti inglesi e finendo galeotto tra le stive della nave inglese.
Qualche giorno dopo attracca a Mauritius un brigantino anch'esso male in arnese dopo una traversata segnata da disgrazie e trage­dia: il Redruth di Fitcher Penrose, il cacciatore di piante. A Port Louis, però, Fitcher ha di che rallegrarsi. Nel porto di Mauritius fa, infatti, bella mostra di sé uno dei più venerati orti botanici del mondo in cui hanno prestato la loro opera  lo scopritore della buganvillea e quello del pepe nero.
Chi, invece, non ha da essere lieto per nulla è Bahram Modi, il mercante parsi partito da Bombay alla volta di Canton con la sua Anahita, un agile ed elegante vascello a tre alberi con la stiva di prua completamente piena di oppio.
A meno di cento miglia a ovest della Grande Nicobar, il fortunale ha sorpreso la nave e l'intero carico di oppio si è sganciato. Bahram contava di arrivare presto a Fanqui-town, come allora veniva chiamata l'enclave straniera di Canton, dove tutti lo conoscono come Barry Moddie, un uomo sicuro di sé e di enor­me successo appartenente alla ristretta schiera dei daaih-baan, i mercanti stranieri in buoni rapporti coi mandarini. Ora buona parte del prezioso carico è andata perduta e i venti di guerra già soffiano nell'ampia foce del Fiume delle Perle, punteggiata di isole che, come denti che sorgono dal mare, accolgono gigantesche navi provenienti dall'India, dall'Europa e dalle Americhe e branche-granchio locali che, spinte da trenta remi, trasportano clandestinamente l'oppio nel cuore della Cina...
Secondo romanzo della «trilogia della Ibis», Il fiume dell'oppio conduce il lettore nelle acque agitate dell'Oceano indiano allo scoppio della prima guerra dell'oppio. Tra mercanti, soldati della Compagnia delle Indie orientali, coolie, marinai di ogni provenienza e lingua e raja in rovina, Amitav Ghosh ricostruisce e documenta sapientemente l'incrocio di culture, guerre e naufragi da cui, ben prima di quanto si pensi, è nato il nostro mondo globalizzato, con conflitti, tattiche e ipocrisie non molto diversi da quelli del mondo odierno.

ISBN: 978-88-545-0221-5

Categoria:

Genere:

Collana: Le Tavole d'Oro

Pagine: 592

Tradotto da: Anna Nadotti e Norman Gobetti

Prezzo:18,00

ISBN: 978-88-545-0221-5

Categoria:

Genere:

Collana: Le Tavole d'Oro

Pagine: 592

Tradotto da: Anna Nadotti e Norman Gobetti

Prezzo:18,00

RECENSIONI

«Un’avventura a trecentosessanta gradi, con un’energia e un respiro degni di Dickens».
Sunday Telegraph

«Un romanzo ipnotico, come un sogno indotto dall’oppio».
Daily Mail

«Il secondo romanzo della trilogia di Ghosh è un vero capolavoro, la cui forza sta nella profondità con cui l’autore unisce la ricerca storica con l’immaginazione letteraria».
The Guardian

EVENTI E NEWS

VIDEO

Newsletter

Resta aggiornato sulle novità e non perderti neanche un'anticipazione

Compila di seguito il campo inserendo la tua mail personale per ricevere la nostra newsletter