Gaëlle Nohant

L’archivio dei destini

Francese emigrata in Germania, Irène viene incaricata di restituire ai sopravvissuti della Shoah oggetti ritrovati nei campi. Le storie di due donne si intrecciano per restituire al lettore un libro emozionante, insieme poetico e brutale, impossibile da abbandonare.

Dove acquistare Dove acquistare Dove acquistare
Informazioni
Traduzione di Luigi Maria Sponzilli
2024, pp. 336, € 20,00
ISBN: 9788854528406
Collana: I Narratori delle Tavole
Generi: Narrativa straniera, Storia
Materiali
SINOSSI

Irène è francese ma vive a Bad Arolsen, nel cuore della Germania, e dal 1990 lavora in un centro di documentazione dove, dalla fine della guerra, si conducono ricerche sul destino delle vittime del regime nazista. Il centro era stato concepito dalle potenze alleate che avevano previsto come, sparato l’ultimo colpo di artiglieria, il mondo si sarebbe trovato di fronte a milioni di scomparsi di cui indagare le sorti. Per quell’impiego, cui è approdata rispondendo a un annuncio, Irène scopre in realtà un’autentica vocazione. Meticolosa al limite dell’ossessione, ricuce i fili tagliati dalla furia di Hitler cercando le tracce di coloro che non sono più tornati, e ogni giorno si lascia assorbire dalle montagne di carte sulla loro vita e soprattutto sulla loro morte. A discapito delle attenzioni da dedicare al figlio che sta crescendo da sola, dopo un divorzio tempestoso. Poi, nell’autunno del 2016, le viene affidato un compito molto particolare: restituire migliaia di oggetti rinvenuti nei campi di concentramento alle famiglie dei loro proprietari originari. Oggetti modesti, che nascondono segreti, storie. Che si tratti di un Pierrot di stoffa, di un medaglione con la Vergine o di un fazzolettino ricamato, Irène sa che ognuno di essi è simbolo di un corpo che non c’è più. Se restituiti, gli scomparsi in qualche modo ritroveranno posto tra i vivi. In questa ricerca, Irène incontrerà persone che la muoveranno e la guideranno, da Lublino e Varsavia a Parigi e Berlino. E alla fine di quella strada troverà ad attenderla un passato che la riguarda. Da una pagina di storia poco conosciuta, prende avvio L’archivio dei destini, romanzo sulla memoria collettiva d’Europa, un oceano che la protagonista vorrebbe ricostruire goccia dopo goccia, e che la potenza narrativa di Nohant trasforma in pura intensità emotiva.

«Affascinante dal punto di vista storico, straziante dal punto di vista umano».
Libération

«Nohant ci guida fin nel cuore nero della Seconda guerra mondiale, eppure in fondo a quel tunnel ci aspetta una luce. Una luce piena di umanità e speranza».
L’Obs

Autore

Gaëlle Nohant ha pubblicato quattro romanzi, fra cui La part des flammes (Éditions Héloïse d’Ormesson 2015, con cui ha vinto il Prix France Bleu/PAGE des Libraires e il Prix du Livre de Poche), Légende d’un dormeur éveillé, un romanzo biografico sul poeta Robert Desnos (Éditions Héloïse d’Ormesson 2017, Prix des Libraires 2018), e La Femme révélée. Con L’archivio dei destini ha vinto il Grand Prix RTL Lire Magazine littéraire 2023.