Ben Macintyre

Una spia tra di noi

Kim Philby e il grande tradimento

Basato su documenti e file inediti dell’intelligence britannica, Una spia tra noi è una storia di lealtà e di inganni, di ideali e di coscienza, di amicizie forgiate e tradite in circostanze eccezionali, il racconto appassionante dell’ultimo grande segreto della Guerra fredda.

Dove acquistare Dove acquistare Dove acquistare
Informazioni
Traduzione di Raffaella Vitangeli
2023, pp. , € 9,99
ISBN: 9788854528635
Collana: I Colibrì
SINOSSI

Due agenti segreti inglesi di mezz’età sorseggiano tè in un appartamento nel quartiere cristiano di Beirut. Sono stati amici per trent’anni, ora sono diventati mortali nemici. Entrambi mentono, uno vuole che l’altro confessi. Si apre cosí, come un romanzo di Le Carré, Una spia tra noi, l’incredibile storia vera di Kim Philby, l’agente segreto che fu a capo del controspionaggio britannico contro l’Unione Sovietica nell’immediato dopoguerra, ma che passò alla Storia per il piú clamoroso tradimento che coinvolse, e sconvolse, l’Occidente. Nessuno credeva di conoscere Philby meglio di Nicholas Elliott, collega dell’MI 6: avevano frequentato le stesse scuole, appartenevano agli stessi circoli esclusivi, il loro rapporto si era cementato col lavoro di intelligence durante il conflitto e le lunghe notti di bevute e baldoria. Mai Elliott avrebbe pensato che Philby potesse essere una spia comunista, decisa a sovvertire a ogni costo l’ordine del mondo libero. Invece, tutti i giorni per trent’anni, ogni parola che Elliott gli aveva sussurrato era stata ritrasmessa a Mosca. Ma Philby aveva stretto un legame anche con un altro astro nascente dell’intelligence mondiale, ovvero James Jesus Angleton, l’astuto e paranoico capo del controspionaggio della CIA. Per decenni, le inconsapevoli rivelazioni di Angleton ed Elliott aiutarono Philby ad affondare quasi tutte le piú importanti operazioni di intelligence del Patto atlantico, condannando innumerevoli agenti a un triste destino. E quando la rete del sospetto cominciò a chiudersi intorno a Philby, costringendolo a un sistema sempre piú complesso di menzogne, Elliott cercò comunque un ultimo, drammatico confronto.

«Macintyre, illumina con efficacia la parte storica e pubblica dell'avventura di Philby. Il suo essere emblema della Guerra Fredda; la sua dimensione di double-agent, di doppiogiochista reclutato dall'Urss, e a sua volta reclutatore per Mosca.»
Daniele Capezzone, Libero

«Una lettura superba, illuminante»
Malcolm Gladwell, The New Yorker

«Avvincente e ben realizzato come un episodio di Tutti gli uomini di Smiley, pieno di cinismo, segreti, omicidi e litri di whisky»
Kirkus Reviews

«Macintyre scrive con il piglio del narratore nato. Degno del miglior John le Carré»
John Banville

«Come un thriller di spionaggio, in cui però ogni incredibile dettaglio è reale»
The Observer