Dizz Tate

Bestie

Quando una ragazza scompare, c’è chi glorifica e chi equivoca. Hazel, Britney, Leila, Isabel, Jody e Christian, un’unica mente come un alveare, si avvicinano pericolosamente al segreto piú torbido che aleggia sulla loro cittadina. Ma tutto questo ha un prezzo.

Dove acquistare Dove acquistare Dove acquistare
Informazioni
Traduzione di Annalisa Di Liddo
2023, pp. , € 9,99
ISBN: 9788854528765
Collana: Bloom
Generi: Letteratura contemporanea, Narrativa straniera
SINOSSI

Falls Landing, Florida. Luogo di parchi a tema, palazzoni fatiscenti, bouganville bruciacchiate dal sole e di un lago immobile e scuro come un presentimento. Sulla scena, un gruppo di tredicenni che osserva tutto e tutti: Hazel, Britney, Leila, Isabel, Jody e Christian. Guardare è per loro un atto di potere che esercitano tenacemente e all’unisono. Si accovacciano tra i cespugli e studiano i maschi sul campo da basket, attirano adulti ignari e incolpevoli verso nidi di formiche rosse e aspettano le loro urla, notano il trucco sbavato delle madri, le rughe intorno agli occhi e alle labbra, e vegliano sulla tenda in cui i ragazzi piú grandi si intrufolano di notte. Qui vedono spesso anche Sammy, la figlia del predicatore, oggetto privilegiato del loro guardare ossessivo. Lei è diversa, interessante. Ed è innamorata di Eddie, il bello della scuola. Poi, all’improvviso, Sammy scompare nel nulla. La camera da letto vuota, lo schermo del pc in frantumi, la comunità in panico. Le voci delle madri riecheggiano ovunque, senza tregua: «Dov’è Sammy? Dov’è? Dov’è? Dov’è?» Scrutando la scena da lontano, mentre gli adulti si affannano nelle ricerche e le malelingue si mettono al lavoro, il gruppo assiste compatto, vigile. Un’amicizia densa, costellata di piccole brutalità e gioie maniacali. Un tutt’uno rauco, singolare, che sfugge a ogni definizione se non a quella materna: «Bestie! Come si può essere bestie del genere?» Cosí dicono le madri di Falls Landing, che da parte loro sembrano preoccupate piú che altro di sottrarre le figlie, e sé stesse, a una mediocrità annunciata sperando nel talent show annuale. Le madri non possono capire, non possono trovare Sammy.

«Il mistero e il pericolo di essere ragazze, di sentirsi pazze, vulnerabili e selvagge, il desiderio di fuggire. Bestie è un romanzo eccentrico e affascinante, pieno di paura e affanno. L’ho adorato».
Mariana Enríquez

«Una favola distorta e intrisa di realismo magico, Le vergini suicide reinterpretato alla maniera di Lynch».
The Observer

«Un’esplorazione del trauma adolescenziale e delle sue manifestazioni mistiche».
The New York Times Book Review

«In una polifonia in technicolor, Bestie è un’elegia ribelle sul mito dell’innocenza degli adolescenti. Il talento di Dizz Tate è sfacciato, folgorante».
Sophie Mackintosh

«L’esordio piú atteso di questa stagione».
Vogue