Rex Stout

I ragni d'oro. Le inchieste di Nero Wolfe

Pete Drossos, dodicenne che si guadagna da vivere facendo il lavavetri all’angolo fra la 35a e la Nona Avenue, irrompe di buon mattino a casa di Nero Wolfe e racconta che alle sette meno un quarto, al semaforo dove è solito appostarsi,...

Dove acquistare Dove acquistare Dove acquistare
Informazioni
Ida Omboni
2015, pp. 192, € 9,00
ISBN: 9788865590478
Collana: Beat Edizioni
Generi: Gialli
SINOSSI

Pete Drossos, dodicenne che si guadagna da vivere facendo il lavavetri all’angolo fra la 35a e la Nona Avenue, irrompe di buon mattino a casa di Nero Wolfe e racconta che alle sette meno un quarto, al semaforo dove è solito appostarsi, si è fermata una Cadillac targata Connecticut, Y, Y, nove, quattro, tre, due, con a bordo un uomo con la faccia da farabutto e una donna con degli orecchini d’oro a forma di ragno. Poco prima che la macchina ripartisse, la donna ha sussurrato qualcosa come una richiesta d’aiuto, mentre l’uomo le premeva addosso quella che doveva essere una pistola.
Wolfe non dà eccessivo peso al racconto del vispo dodicenne. Nel giro di qualche giorno, però, gli eventi precipitano. Il ragazzo viene investito e ucciso da un’automobile ritrovata poi sulla 186a. Sotto il telaio della vettura, targata Connecticut, Y, Y, nove, quattro, tre, due, la scientifica rinviene un pezzo di stoffa della giacca di un certo Matthew Birch, agente dell’Ufficio di Immigrazione, investito e ucciso anche lui ventiquattro ore prima in un vicolo di South Street. Come se non bastasse, la donna che si presenta al cospetto di Wolfe in cerca di aiuto - Laura Fromm, vedova dell’industriale Damon Fromm, erede di una cospicua fortuna e filantropa dell’Associazione per il Soccorso ai Profughi - viene anch’essa ritrovata morta in un sottopassaggio, investita da una vettura. A Wolfe, preda per la prima volta di «un’ira fredda e micidiale», non resta che consegnare il colpevole all’ispettore Cramer.
 

Autore

Rex Stout nasce nel 1886 e muore nel 1975 negli Stati Uniti. Nel 1934 pubblica Fer-de-Lance (BEAT 2011), il primo volume delle inchieste di Nero Wolfe. Il successo si ripete regolarmente per tutti i 42 successivi volumi, sfornati pressappoco al ritmo di uno all'anno. In BEAT sono usciti anche Orchidee nere (2012), Non abbastanza morta (2012), Entra la morte (2013), Palla avvelenata (2014) e la raccolta di ricette ispirate ai suoi libri Crimini e ricette (2013). Nel 1959 viene premiato con il Mistery Writers of America Grand Master.